Federico Arcuri

Federico Arcuri

Federico Arcuri nasce a Parma, il 23 agosto 1986.

Aspirante musicista e in parte giornalettista, si appassiona alla musica all’età di 14 anni, grazie ai Beatles; scopre così la chitarra, dopo alcuni anni di studio del pianoforte in tenera età, ma sopratutto dopo una serie di “insufficiente” proprio in musica, alle scuole medie. Artisti “must” come Simon & Garfunkel, Beatles, Led Zeppelin, Who, spianano la strada ad una ricerca appassionata di ogni diramazione del rock’n’roll, del punk, dell’hard rock e del metal, in un percorso di scoperta che persiste tutt’ora, ricco di sorprese quali solo la musica sa regalare.

Si appassiona così alle sonorità di Skid Row, Guns’n Roses, Mr.Big, Extreme, Poison, Hanoi Rocks, Motley Crue, Hardcore Superstar passando per Mc5, Marc Bolan, Iggy Pop, Ac Dc, Social Distortion, Ramones, Sex Pistols, Casualties,Alkaline Trio e Nine Inch Nails; last but not least, sonorità più heavy come Type O Negative, Savatage, Opeth, Slayer e Pantera e tanti altri. Sonorità alle quali riesce a collegare anche il country di grandi nomi quali Mike Ness, Hank Williams, Hank Williams III, Johnny Cash, Wayne Hancock, Malakas.

A questo percorso è affiancata l’attività live e concertistica con le band, cominciata nel 2000 e mai interrotta; desideroso di rendere il proprio modesto omaggio alla musica, si cimenta come autore scrivendo brani e testi, suonando dall’hard rock, al blues, al punk rock, allo strumentale; tanti i progetti acustici, all’urlo di “no distortion to cover your ass”.

Le esperienze in studio arrivano con i Garden Of Eden (hard rock), e più recentemente con gli Shonan (punk rock, progetto tutt’ora attivo), oltre che ad un continuo processo creativo in studio, per progetti futuri.

E’ stato collaboratore per il settimanale “Parma Giorno&Notte”, inserto della Gazzetta di Parma, dove ha gestito per due anni la rubrica “band della settimana”; viene chiamato in seguito a collaborare con la redazione spettacoli della Gazzetta di Parma, scrivendo recensioni e report su concerti e dischi, ed intervistando grandi della musica italiana e straniera come Alex Britti, Angelo Branduardi, gli Earth Wind & Fire, Sarah Jane Morris e tanti altri.

Nello stesso periodo, scrive recensioni per la webzine Glam-metal Roxxzone, riuscendo ad intervistare alcuni dei suoi idoli, fra i quali gli Hardcore Superstar.

Tutt’ora attivo sia come musicista che come scrittore, fa dei progetti musicali e artistici uno dei principali motori e stimoli della sua vita, apprezzando tutto ciò che di spontaneo, vero, genuino e sincero l’arte e la musica possono offrire.

Collabora al sito parmamusica.com.