Uncategorized

Il Soprano Angela Gandolfo  in  “Le Lacrime di Desdemona” – Eddy Lovaglio

Il Soprano Angela Gandolfo in “Le Lacrime di Desdemona” – Eddy Lovaglio

IL SOPRANO ANGELA GANDOLFO in “LE LACRIME DI DESDEMONA”

Spettacolo lirico-vocale, prosa, musica e danza,
contro la violenza sulle donne

Teatro Verdi di Busseto – Domenica 12 marzo 2017, ore 17.00

Come ogni anno, nel mese di marzo, torna il consueto appuntamento al Teatro Verdi di Busseto con uno spettacolo contro la violenza sulle donne. In questa edizione, il 12 marzo (ore 17.00), un recital il cui titolo è ispirato ad una delle figure più rappresentative e che meglio esprime il senso e lo scopo dello spettacolo: Desdemona, sfortunata protagonista dell’opera Verdiana tratta dal dramma di Shakespeare “The Tragedy of Othello, the Moor of Venice” (La tragedia di Otello, il moro di Venezia”).
Protagonista il soprano Angela Gandolfo dalla carriera brillantemente in ascesa, voce versatile e robusta di soprano lirico che ha iniziato all’età di vent’anni a Milano con il debutto nel ruolo di Fenena in Nabucco, proseguendo con un vasto repertorio e con rappresentazioni nei maggiori teatri italiani e all’estero. A Nizza per il Consolato Generale Italiano, a Stoccolma alla Sala Nervi “C.M.Lerici”, a Londra con Michele Pertusi in occasione della celebrazione dei 150 anni dell’Unità d’Italia (evento premiato dal Presidente della Repubblica G. Napolitano nel 2011), a Zurigo, Winterthur, Germania e Kazakistan.
Al Teatro Verdi di Busseto, con l’accompagnamento al pianoforte del M° Roberto Barrali, Angela Gandolfo ci farà rivivere le protagoniste femminili del repertorio lirico che hanno il coraggio degli eroi e la bellezza fiera delle dee. Sono eroine che non si discostano molto da quelle dell’attuale società, “una società arida, assetata di valori e d’amore” – afferma Angela Gandolfo – “in cui niente più dell’arte funge da ancora di salvezza. L’arte, che è per me espressione divina dell’uomo, ha il potere della comunicazione. Ciò che manca oggi, pur essendo nell’era dell’informatica, forse è proprio la comunicazione: in una coppia, fra amici o parenti, e sembra che la violenza sia l’atto liberatorio che possa risolvere qualunque situazione. Posso ritenermi privilegiata perché io, attraverso la musica, posso dar voce alle donne che soffrono in silenzio. Le eroine dell’opera lirica soffrono e spesso muoiono, ma il loro dolore dovrebbe essere un esempio per far riflettere. A distanza di tanti anni, ancora oggi la donna è vittima. E allora il compito dell’artista diviene ancora più centrale, ora più che mai, e ha il dovere di continuare la sua missione sperando che il bene diventi il filo conduttore della nostra vita”.
Oltre all’Otello di Verdi, anche La Traviata, Rigoletto, senza tralasciare brani dalla Madama Butterfly di Puccini e dalla Norma di Bellini, verranno eseguiti da Angela Gandolfo che sarà affiancata da un’altra co-protagonista, Maria Antonietta Centoducati, attrice di grande levatura, che darà vita ai personaggi femminili nella versione in prosa, attingendo alle versioni teatrali o ai romanzi, ma anche a vere testimonianze intrise di forti emozioni.
Un percorso accattivante che vede in scena una cantante, un pianista e un’attrice a dar voce alle splendide storie ricche di forza e suggestioni delle eroine del melodramma, interpretate anche dalle danzatrici di “AccademiaDanzaEdintorni” che andranno a rafforzare la poesia dei testi e l’intensità del canto e della recitazione, con coreografie di Bianca Costanza Chiapponi e Michele Cosentino.
Il recital è incluso nella stagione teatrale del Teatro Verdi di Busseto in collaborazione con il Circolo Falstaff e l’Associazione Parma OperArt.

(Informazioni e biglietti: IAT di Busseto, 0524 92487,info@bussetolive.com, www.bussetolive.com)

gilbertcerbara

marzo 7th, 2017

No comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *