Pop

Letizia Brugnoli – Through Our Life – Recensione di Gilbert Cerbara

Letizia Brugnoli – Through Our Life – Recensione di Gilbert Cerbara

Letizia Brugnoli – Through Our Life. Sono diversi mesi che ascolto questo CD, ed ora è arrivato il momento che io ne scriva.

Si tratta di un ottimo lavoro del 2014, ben progettato in tutte le sue parti della splendida Letizia Brugnoli, interprete e (anche) compositrice che si è avvalsa del contributo dell’altrettanto bravissimo Roberto (Bob) Sansuini, raffinato e dotatissimo compositore e arrangiatore parmigiano.

Alcune composizioni sono originali e composte dalla coppia, altre sono interpretazioni eseguite (anche se sembra incredibile) sulle costruzioni elettronico/digitali del maestro Sansuini e integrate con l’ausilio di pochissimi strumenti in fase successiva (sax, chitarra e poco altro).

Del brano che dà il titolo al disco esiste anche un simpatico videoclip girato on the road, che descrive e introduce la linea del disco, un punto d’unione tra i classicissimi del jazz e della musica popolare americana e le moderne interpretazioni di Letizia amalgamati negli arrangiamenti moderni di Roberto in un raro equilibrio.

Il primo brano è So Sorry, un electro-pop dove la voce bellissima di Letizia, sempre perfettamente piena nei volumi e nei colori, si addentra nel Chillout ricordando gli Incognito e l’acid Jazz degli anni 90.

Love for Sale è un’interpretazione di gran classe; generalmente il vero problema in questi casi è essere personali, ma i tappeti elettro-swing e i soli dei musicisti intervenuti danno una impronta forte di indipendenza e personalità.

In Here’s That Rainy Day aleggia lo spirito di Billie Holiday, ma anche una certa atmosfera di commedia musicale alla Garinei e Giovannini.

Qualche piccolo assaggio di salsa, arrangiamenti che virano leggermente verso Sadè e gli anni 80, Letizia che non si tuffa (anche se potrebbe) in arditezze a volte sterili, è sempre misurata ma coinvolgente, si percepisce la sua energia e la sua passione, oltre che la sua capacità ed il controllo perfetto della voce.

Summertime ha vinto il premio come miglior cover nella ultima edizione dei ParmAward, e non a caso. Non era facile non inciampare in questo superclassico di Gershwin, interpretato dalle più grandi cantanti dell’ultimo secolo, da Billie Holiday ad Ella Fitzgerald, fino alla versione struggente di Janis Joplin; eppure questa prova di coraggio è stata brillantemente superata con una interpretazione intensissima ma intimista dove i toni caldi e la voce multicolore di Letizia emozionano.

Speak low è una traccia trascinante e black dove Letizia dimostra la sua straordinaria efficacia nei registri bassi e Cops and Bandit è un brano di Sansuini che potremmo ascoltare in un disco del James Taylor Quartet, una perfetta sigla per un telefilm americano anni 70.

Molto bella è anche Over The Rainbow, altro classicone dalle innumerevoli interpretazioni, uno standard assoluto nel quale possiamo ascoltare in pieno le potenzialità del magico duo: voce calda, chiara e commovente e arrangiamento dosatissimo ed efficace, mentre Nature Boy mi ha fatto ripensare ai dischi più jazzy di Rossana Casale.

Forse la mia preferita è Round Midnight, il brano bellissimo di Thelonius Monk dall’andatura crepuscolare e ondeggiante, molto difficile da interpretare con accenti ora gravi ora acuti dove Letizia respira Sarah Vaughan senza rimanerne condizionata e coinvolge l’ascoltatore in un’esperienza di trasporto intensa ed emozionante.

E’ un gran bell’album. Un progetto davvero professionale e curato benché medium budget, colto ma accessibile ed estremamente professionale e coinvolgente. Si sente l’amore di Letizia per i Manhattan Transfer e le regine della black/jazz musica americana ma, allo stesso tempo, la voglia di modificare il linguaggio, aggiungere una tessera e proporre un nuovo punto di vista. Obiettivo riuscito.

Consigliatissimo!

I Le tracce sono:
1. So Sorry
2. Love for Sale
3. Here’s That Rainy Day
4. Through Our Life
5. Summertime
6. Speak Low
7. You Don’t Know What Love Is
8. Cops And Bandit
9. Angel Eyes
10. Over The Rainbow
11. On a Sunny Morning
12. Nature Boy
13. Round Midnight
Sito web:

Gilbert

gilbertcerbara

agosto 2nd, 2015

No comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *